La RELAZIONE  TOSSICA: tra Narcisismo e Malattia.

05.07.2018

Se ne parla tutti i giorni di NARCISISMO e RELAZIONI TOSSICHE, senza però approfondire maggiormente - a mio avviso - certi aspetti che meritano una lente di ingrandimento, per evitare di passarli in secondo piano o di trattarli con troppa indulgenza.

La RELAZIONE TOSSICA viene così definita perché ci fa perdere ogni giorno sempre più forze, a fianco di una PERSONALITA' ABUSANTE che ci vuole confondere e "condurre". Viene chiamato GASLIGHTING (la maggior parte di noi ormai lo sa) e comprende tutto quello che viene usato contro di noi, per farci dubitare della nostra percezione della realtà depistandoci con: bugie, inganni, raggiri e imbrogli. La BUGIA distorce la REALTA'. Ci si ritrova a vivere in una vita che non è più la nostra. Si è MANIPOLATI costantemente. Qualsiasi decisione si prenda NON è mai su una base reale e perciò si rivelerà sempre sbagliata. Si annaspa in un incubo. Si esiste in una IRREALTA' che ci viene cucita addosso, costringendoci ad agire all'oscuro di quanto sta accadendo. Chi adotta la bugia come stile di vita, e ripete lo stesso errore OGNI GIORNO, NON è da capire. E' da EVITARE.

La VIOLENZA PSICOLOGICA, così come quella fisica, la continua MANIPOLAZIONE, procurano uno stress protratto che alla lunga AMMALA.

Ma vediamo come una PERSONALITA' DISTURBATA può convincerci a prendere parte ad una RELAZIONE TOSSICA per noi: quali tecniche usa, e come ci si sente a relazionarsi con una personalità ABUSANTE?

Come Stai?

Sembra una domanda banale e scontata perché ha perduto di valore, per il semplice motivo che NON badiamo più a COME STIAMO.

Quando siamo in una relazione amorosa, prima ancora di chiederci se "CI AMA" o se gli/le "MANCHIAMO"...chiediamoci: COME STO in questa relazione con questa persona?

Ecco alcuni parametri su cui basarci per capire se stiamo in una relazione sana oppure no:

- Sembra che vada tutto bene ma nonostante ciò ti senti sempre inspiegabilmente triste?

- Lui/Lei ti lascia spesso solo/a, sparisce nel nulla, ma i suoi amici e amiche difendono ogni sua versione e credono sempre alle sue parole, descrivendolo come la migliore delle persone?

- Ti accorgi che quando devi dirgli certe cose (ad esempio che hai incontrato un amico, o hai sentito un'amica, che hai bevuto un caffè con dei vecchi compagni di scuola….) hai PAURA della sua reazione e ti ritrovi a nascondergli le cose?

- Eviti di dirgli che sei uscita a comprarti un vestito da sola, o che hai cambiato programma, o ti ritrovi a doverti giustificare oltre misura per timore di litigare o peggio di venire offesa?

- Ti senti in qualche modo obbligato a restare in quella relazione perché se te ne vai scattano una serie di ricatti e vendette?

Allora è molto probabile che questa sia una relazione TOSSICA con una personalità ABUSANTE. Ma perché si finisce "all'angolo"? Come abbiamo permesso a questa persona di entrare nella nostra vita e nel nostro cuore?

Si parla spesso di ferite emotive NON sanate, che permettono ai NARCISISTI (o come vogliamo chiamarli) di entrare nella nostra vita e  MANIPOLARCI. Ma è pur vero che chi ha la capacità di AMARE e di provare sentimenti PROFONDI, si APRE all'altro...pertanto anche l'AMORE crea un varco, dove entra nella nostra intimità la persona che abbiamo deciso di avvicinare. Ma siamo sicuri che i SEGNALI che davano da presagire una possibile RELAZIONE TOSSICA non ci siano stati?

Il primo segnale di una RELAZIONE TOSSICA è lo STRESS

Ti senti stanca, spossato, o senza forze; dovresti essere al settimo cielo poiché sei in una relazione d'amore, eppure qualcosa non va. Sei sempre debilitato, sono presenti quotidianamente linee di febbre, mal di testa fortissimi, problemi di insonnia, indisposizioni continue. Che strano? Eppure tutto va bene, hai accanto una persona che ti ama moltissimo.

Si, ma COME ti ama?

Quando si parla di NARCISISMO e affini, si tende ad scansionare la relazione con loro suddividendola in: fasi di seduzione e fasi di manipolazione. Raramente si parla di fasi di invasione. La personalità NARCISISTICA, DISTURBATA, TOSSICA o ABUSANTE non si accosta al partner in maniera SANA, bensì invadendo la vita di quest'ultimo relegandolo al possesso, al controllo e all'isolamento. Come avviene la fase di invasione?

Innanzitutto si isola la persona inducendola con falsi consigli a liberarsi di amici e parenti, dipingendole una realtà ostile fatta di persone che la "usano"; dopodiché la personalità abusante si renderà indispensabile per poter essere insostituibile. Tuttavia le tecniche usate non sono certo quelle "in punta di piedi". Ci sarà una SOVRASTIMOLAZIONE continua di: telefonate, messaggi, chat, videochiamate a sorpresa, sms, visite impreviste all'uscita dal lavoro e pressioni pari ad un training prigionieri, simili a veri e propri lavaggi del cervello che costringeranno la vittima a delle sollecitazioni continue, fonte di stress.

In medicina si sostiene che - alle continue sollecitazioni - il nostro corpo rilasci il CORTISOLO, ossia un tipo di ormone che influisce sul gonfiore del corpo a discapito della riduzione del muscolo. Quando si è continuamente sovra stimolati il corpo va in STRESS. Perciò: gonfiori, cefalee, perdita del sonno, perdita di interesse per le cose che ci appassionavano...sono alcuni dei tanti fattori che una RELAZIONE TOSSICA è in grado di causare.

Allontanarsene  è necessario per riprendere le nostre ENERGIE, la nostra SALUTE. E costruire i nostri confini. Chi ci vuole bene NON ci fa ammalare.


Articolo di: Noà Visentin