L'Uomo MALTRATTANTE

13.03.2018

Quando si parla di VIOLENZA o MALTRATTAMENTI, se ne parla soprattutto al maschile per una questione di forza fisica che la donna NON ha. E seppure gli abusi vengano messi in atto anche dalle donne nei riguardi dei propri partner, questo articolo si limiterà a parlare dell'UOMO MALTRATTANTE.

Gli atteggiamenti dell'uomo MALTRATTANTE (che spesso viene accostato alla figura del NARCISISTA perché privo di scrupolo ed empatia a seconda della gravità della sua patologia) sono dati dalla PAURA di perdere la partner, la paura dell'abbandono e della privazione.

Perciò, tale soggetto ha una spiccata "qualità" IPERCONTROLLANTE nei riguardi della compagna fino ad arrivare ad eccessi paranoici, che nei casi più esasperati si trasformano in:

- stalking o pedinamenti di terzi per suo conto

- controllo del cellulare, del contatore delle chiamate

- controllo del contatore dei chilometri dell'auto

- controllo di tutte le attività della partner minuto per minuto durante una giornata

- apparecchi di localizzazione auto

- richiesta di password di social, mail, ecc....

Il Partner MALTRATTANTE è MANIPOLATORE

Quanto segue è tratto dal sito di Psicoadvisor:

Il manipolatore (o la manipolatrice) ricercano il potere mediante la svalutazione altrui e aumentano il proprio valore personale a discapito del prossimo. Ecco alcune delle caratteristiche psicologiche da considerare:

  1. Il manipolatore ha bisogno di avere sempre ragione per sentirsi potente e sicuro di sé. Può arrivare a distorcere o negare la realtà.
  2. Prova un forte bisogno di imporre la propria visione del mondo. Non a caso, generalmente la sua vittima è caratterizzata da una bassa autostima.
  3. I suoi comportamenti sono caratterizzati da rigidità, falsità o ipocrisia.
  4. Attua comportamenti aggressivi espliciti (con scatti d'ira quasi sempre ingiustificati) o di tipo aggressivo-passivo.
  5. Spiccati tratti narcisistici con tendenza al controllo.
  6. Per aumentare il suo "potere" attua meccanismi di controllo, svalutazione del prossimo e sopraffazione emotiva o fisica.
  7. Caratterizzato da un temperamento irritabile o stizzito, talvolta anche violento.
  8. Possono essere presenti disturbi narcisistico, paranoide o borderline della personalità.

https://psicoadvisor.com/8-caratteristiche-psicologiche-del-manipolatore-6296.html



Caratteristiche dell'Uomo MALTRATTANTE

L'uomo maltrattante presenta in primis un monitoring esasperato degli indici qualitativi del rapporto sentimentale in cui è inserito: andamento della sessualità, memoria di date, rispetto di ricorrenze o promesse fatte, della specialità del sé o della relazione, presenza costante della partner, mantenimento indefesso delle attenzioni.

Le manifestazioni della propria lei vanno sorvegliate per non essere abbandonati, destituiti di potere, ingannati. In secondo luogo egli nutre un pregiudizio sulle affermazioni della partner, con una bassa soglia di percezione dell'inganno, per cui diventano indici affidabili la mimica, le inflessioni della voce con cui lei si esprime, i giri di parole in cui indulge, la perizia nell'essersi saputa ritagliare uno spazio non condiviso di autonomia  - dove potenzialmente può aver fatto qualunque cosa la fantasia sia in grado di produrre.

L'uomo maltrattante presuppone l'esistenza di un sé indipendente e segreto della propria partner che resta celato e si muove di soppiatto con intenzioni ostili di sfruttamento. La stessa trasparenza e schiettezza con cui la partner pensa di esorcizzare il sospetto evidente nella mente di lui viene presa a pretesto per affermare la potenzialità di un inganno d'entità ancora superiore.

 (Dr.sa Ilaria Zeppi)


Stralcio tratto dal sito:

https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/2918-caratteristiche-uomo-maltrattante-risorse-attive-cambiamento.html?refresh_ce


                                                                                                                      Articolo di: Noà Visentin